Cinture di sicurezza in gravidanza

Cinture sicurezza

È convinzione comune che le cinture di sicurezza in gravidanza rappresentino un rischio per il feto, invece non è così. Però vi sono alcuni casi in cui il ginecologo curante può riscontare situazioni di rischio nell’utilizzo delle cinture di sicurezza e, solo in quei casi, rilascerà un certificato di esonero per la gestante.

È obbligatorio indossare cinture di sicurezza in gravidanza?

Il Codice della Strada prevede l’obbligo delle cinture di sicurezza durante la marcia per il conducente e per tutti i passeggeri, salvo eccezioni come gli istruttori di guida nell’esercizio delle loro attività, e le donne in gravidanza, qualora il ginecologo curante comprovi un rischio effettivo nell’utilizzo delle cinture stesse. Le gestanti non possono decidere autonomamente se utilizzare o meno le cinture, dovranno invece avere un certificato medico rilasciato dal ginecologo che dovranno sempre avere con sé per evitare sanzioni in caso di controllo della polizia. Il ginecologo curante si assumerà la responsabilità professionale, civile ed, eventualmente, penale della decisione di esonerare la gestante dall’utilizzo delle cinture di sicurezza. Generalmente la cintura di sicurezza, se opportunamente indossata, non rappresenta un rischio o un problema né per la mamma, né per il bimbo: anzi in caso di incidente o frenata brusca evita che la gestante colpisca con l’addome la plancia, il volante e il parabrezza del veicolo.

In caso di mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, non tutte le polizze coprono i danni causati da incidenti. Noi di PUNTOALSICURO, oltre a consigliarti la polizza con il miglior prezzo tra quelle offerte dalle principali compagnie assicurative, scegliamo solo quelle che impediscono alla compagnia queste rivalse.

Come indossare le cinture di sicurezza in gravidanza

La cintura di sicurezza deve essere indossata in modo corretto, ovvero la parte inferiore della cintura deve essere passata sotto la pancia, mentre quella superiore deve passare sopra una spalla e attraversare il petto in diagonale. Il sedile deve essere allontanato quanto più possibile dal cruscotto, avendo cura di arrivare senza fatica ai pedali e di avere un’ottima visuale da tutti gli specchietti. È fondamentale che la cintura di sicurezza non vada a fasciare parte dell’addome poiché, in caso di incidente o frenata brusca, potrebbe lacerare la parete uterina. Durante la gravidanza non è necessario disattivare gli airbag che sono una protezione aggiuntiva e che potrebbero, invece, diventare pericolosi se le cinture non vengono allacciate correttamente.

Quali sono le sanzioni previste per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza in gravidanza?

Il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza comporta una multa che può andare da 80 a 323 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida.

Vi ricordiamo che, in caso di mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, non tutte le polizze auto coprono danni causati da incidenti. In caso di copertura di danni, potrebbero poi rivalersi sul conducente e proprietario. Noi di PUNTOALSICURO, oltre a consigliarti la polizza con il miglior prezzo tra quelle offerte dalle principali compagnie assicurative, scegliamo solo quelle che impediscono alla compagnia queste rivalse. Sappiamo quanto sia difficile leggere i contratti, per questo ci proponiamo come punto di riferimento per la sicurezza dei nostri clienti.